Villa Comunale

L'ingresso principale alla Villa Comunale di Napoli è da Piazza Vittoria, ma il parco si estende a seguire su tutto il lungomare di via Caracciolo e termina in Piazza della Repubblica.

La Villa fu realizzata nel 1778 per volere di Ferdinando IV di Borbone.

Villa Comunale di Napoli

Il giardiniere reale Felice Abate piantò molti alberi, soprattutto olmi e tigli, oggi plurisecolari e visibili nel parco.

La Villa è recintata con pilastri e griglie di ferro e l'architetto Vanvitelli richiese per decorarla 12 statue di scavo reperite a Pozzuoli che non gli furono mai concesse.

Invece si può ammirare nel parco una grande statua rappresentante la Flora acquistata dal ministro Tanucci, nonchè alcune statue commissionate a Carrara.

Nella Villa ci sono anche 5 splendide fontane in travertino di Caserta, sulle quali furono apposte alcune statue in stucco su modello del Sammartino.

Ai lati dell'ingresso da Piazza Vittoria si trovano due padiglioni neoclassici con porticati ornati da coppie di lesene, uno dei quali fu dato in fitto a botteghe e l'altro ad un caffè-ristorante.

L'inaugurazione della Villa risale all'11 luglio 1781.

Villa Comunale di Napoli Veduta

 

Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5

CittĂ    |   Mare   |   Terme   |   Parchi   |   Enogastronomia   |   Folklore   |   Cultura   |   Universitŕ   |   Canzoni   |   Personaggi famosi   |