Ponte Leproso

Il Ponte Leproso - detto anche Ponte Marmoreo – fu costruito in epoca romana dal censore Appio Claudio Cieco in occasione dell'apertura della via Appia, forse riutilizzando un precedente ponte dei Sanniti; fu poi restaurato da Settimio Severo e dal figlio Caracalla nel 202.
Il nome attuale di Ponte Leproso è attestato dall'Xi secolo: il nome deriverebbe dalla presenza in quei pressi di un ospedale per i lebbrosi.
Il Ponte, che consente di superare il fiume Sabato, fu distrutto una prima volta dai Goti di Totila nel VI secolo.
Manfredi di Svevia sarebbe stato ucciso nel 1266 da Carlo d'Angiò presso questo ponte nel corso della battaglia di Benevento.
La struttura attuale a quattro arcate si deve alla ricostruzione realizzata da Giovan Battista Nauclerio dopo il terremoto del 1702: della struttura romana resta solo uno dei piloni rustici quadrati.
Nel XIX secolo il ponte era anche detto Ponte di San Cosimo per via dell'attigua chiesetta di San Cosimo.
Oggi il ponte è stato chiuso al traffico veicolare ma rimane un monumento di grande valore per tutta la provincia di Benevento.

Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6

CittĂ    |   Mare   |   Terme   |   Parchi   |   Enogastronomia   |   Folklore   |   Cultura   |   Universitŕ   |   Canzoni   |   Personaggi famosi   |